SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

Cosa fare dal 14 al 20 ottobre? Il 14 ottobre

Forse è inutile stringere accordi specifici con strutture adibite al rilevamento delle condizioni metereologiche; così come è stato inutile, e particolarmente ridicolo, mettere una camionata di tufo in Piazza del Mercato per eseguire "saggi" di tenuta di una miscela che dovrà adeguarsi al sole di ottobre e vicino a novembre, decisamente diverso da quello che, di norma, c'è a luglio ed agosto.

Le previsioni giorno per giorno, quotidiane, hanno il sapore e la configurazione del celebre mago di Brozzi; quello che l'Ufficio Tecnico deve dimostrare è se, una volta bagnata con piogge che calano dall'alto, la terra può reggere ed asciugarsi per permettere due fondamentali verità paliesche: la salvaguardia dei cavalli e fantini, il regolare svolgimento della corsa per i tre giri. E' questo che l'Ufficio Tecnico di Palazzo deve garantire, sia perché lo prescrive il Regolamento, sia perché è su Fraticello Palio che si andranno a concentrarsi tutte le polemiche al riguardo. Polemiche, sia chiaro fin da ora, che provengono solo da noi e, pertanto, con un'eco ridottissima viste le letture che attiriamo.

Non per questo, il problema della terra è reale e, sempre a nostro parere, molto molto sottovalutato dallo stesso Ufficio Tecnico. Del resto questo Ufficio va annoverato tra i massimi responsabili dell'effettuazione di una corsa il 20 ottobre; ma di ciò avremo tempo di parlarne successivamente.

Se l'apertura della settimana, così come la conclusione, era stata ampiamente prevista dal Servizio europeo di Reading, c'è da ritenere che il 14 ottobre, giorno previsto per la posa sulle lastre del tufo, sia anch'esso abbastanza piovoso.

Se così fosse, sarebbe opportuno che i camion che portano la terra, contrariamente a quanto fece izyno, fossero coperti da teli, evitando che la terra asciutta si bagni prima della posa in opera. Comunque, se nella giornata di domenica 14 non sarà possibile stendere per tutto il giro di Piazza il tufo, si dovrà lavorare lunedì 15 con l'annullamento delle provine del 16 poiché la terra, pioggia permettendo, deve assestarsi per l'intera giornata di martedì.

Domenica 14 è prevista anche la presentazione del drappellone. Anche se nel Cortile del Podestà ci sarà la nuova illuminazione, una giornata buia, dovuta alle nuvole, in luogo abbastanza chiuso com'è l'Entrone richiedeva un orario diverso e non certamente le 17,15 previste dal cerimoniale. Un altro ed ennesimo segno distintivo dell'incapacità dell'Ufficietto scimmiottamento. Se poi piove? Ecco, allora, che bisogna tornare indietro nel tempo e presentare, come avvenne nell'agosto 2002, il drappellone all'interno del Teatro Rinnovati, con tutte le disposizioni che richiede (leggi Vigili del Fuoco).

La giornata di domenica 14 ottobre termina qui; l'ufficietto scimmiottamento avrà accuratamente preso nota?

3 ottobre 2018