SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

Ordinanze ed interpretazioni: è Palio attuale

A margine del nostro articolo di ieri, è opportuno continuare a segnalare tutte le vicende che, anche se non contemplate esplicitamente nei 105 articoli del Regolamento, ne fanno parte integrante e non si tratta delle così definite "regole non scritte". Tutto è scritto perfettamente con penna nera su sfondo bianco e costituiscono principi fondamentali per l'intero svolgimento organizzativo del Palio.

I cavalli interi, quelli cioè con le palle in essere, venivano ammessi qualche volta solo alla tratta ed immediatamente esclusi dalla scelta dei Capiutani. Questo per evitare, in uno spazio limitatissimo qual'è l'Entrone, i corteggiamenti degli interi verso i cavalli femmina. Nel Regolamento del Palio la disposizione non esiste, cioè secondo il Regolamento del Palio potrebbero accedere al Palio. Allora perché corrono solo chi viene castrato? Perché c'è una delibera, quando ancora la Toscana era un Granducato, dell'allora Comunità Civica che il 20 luglio 1837 dispone l'accesso alla tratta per le cavalle, le femmine fino a quel momento escluse da qualunque attività paliesca. E, nella stessa delibera, si proibisce e si inibisce la presenza dei cavalli interi. Mai questa disposizione è apparsa nei regolamenti comunali, o in quelli prefettizi; ma si tratta di una precisa disposizione che, pur non essendo contemplata nell'odierno regolamento, ha validità assoluta.

Il motivo dell'apertura alle femmine (cavalle) ha un motivo concreto, anche in considerazione del fatto che tutto, dentro il Regolamento, ha una sua logicità. Viste le problematiche relative all'agosto 1836 per la presenza dei cavalli, si pensò opportunamente di "aprire" le porte di Piazza anche alle femmine.

Domani evidenzieremo le incoerenze degli attuali onorandini, inorriditi dall'eventuale proroga di 10 giorni per la presentazione dei ricorsi che voleva concedere il Sindaco, con l'abusiva presenza sul tufo, per compiere la passeggiatina, dei mangini non autorizzati, oppure la sfilata dei barbareschi nell'Entrone; per concludere questo articolo c'è da accennare alle norme interpretative sui tempi del via, cioè sull'ufficializzazione nel Palio di Siena della rincorsa. L'argomento è vecchio e merita attenzione nei particolari e rimandiamo tutto a domani.

10 agosto 2018