SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

Cosette da fare tra il 25 ed il 28 giugno

Se le stanze di Palazzo, il 25 giugno, non dovessero più ospitare Brunetto Nostro chi subentrerà dovrà rendersi conto, specialmente in queste settimane di attesa allo scoglio del ballottaggio, che l'organizzazione del Palio può essere modificata solo se si inizierà a lavorare con meticolosa attenzione. Sarebbe, infatti, molto problematico non considerare questo particolare aspetto paliesco pensando di rinunciare a tutto "per mancanza di tempo".

Al contrario, il tempo ce ne sarebbe in abbondanza, ma solo se si avrà la cognizione di buttarsi a capofitto dentro le questioni organizzative, bloccando tutto quel dilettantismo che, dai tempi di izyno in poi, ha contraddistinto la sciatteria organizzativa di Palazzo. E' evidente che, in caso di vittoria di Brunetto Nostro, queste note sono da considerarsi superate e fuori da ogni logica, viste le potenzialità organizzative dello stesso già dimostrate in varie occasioni. Resta il fatto che un ritorno alla vera organizzazione del Palio (quello di Siena) si rende necessaria e auspicabile.

Per non bruciare un'intera annata paliesca è necessario iniziare subito a muovere i passi, senza perdere tempo e con le idee chiarissime. Alcune "cosette" da fare, proprio per dare un'impronta decisa all'intero meccanismo paliesco, sono realizzabili nell'intervallo che va dal 25 al 28 giugno. Si tratta di nuove funzionalità organizzative che necessitano solo della volontà per attuarle. Ce ne sono altre, come ad esempio l'individuazione del nuovo dirigente o della nuova posizione organizzativa, che, al contrario, richiedono fasi amministrative decisamente diverse.

E' di questi giorni, giovedì 10, la decisione della Giunta di Brunetto Nostro per la decisione della modifica degli uffici di Palazzo e, in particolare, dei dirigenti. Ebbene, la nuova decisione, che amplia di un comma l'art. 80 del "Regolamento degli uffici e dei servizi", prevede che «In occasione della scadenza di mandato, tutti gli incarichi dirigenziali vigenti sono automaticamente prorogati per 90 giorni« per assicurare «la continuità amministrativa dell'Ente», ma con « la facoltà del Sindaco neoeletto di procedere con il conferimento di nuovi incarichi prima di tale termine». Questo significa che per il Palio di luglio il dirigente paliesco resta Fraticello Palio, il quale continuerà a firmare gli atti compilati da Frate Palio; ma con il Palio di agosto si avrà un nuovo dirigente, una nuova posizione organizzativa, un nuovo assetto dell'Ufficio che finalmente si chiamerà "Palio".

I quattro giorni della nuova organizzazione paliesca, dal 25 al 28 giugno, non potranno, né dovranno essere considerati giorni persi. Per il futuro del Palio e per la credibilità di chi subentrerà a Brunetto Nostro.

15 maggio 2018