SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

La Muccona e dintorni minuto per minuto

Premere F5 per aggiornare la pagina

aggiornamento  
17,21 COMUNI: CECCOBAO, NON SONO CANDIDATO A SINDACO SIENA ULTIMO GIORNO DA ASSESSORE,TORNO MIO LAVORO MA CONTINUO POLITICA (ANSA) - FIRENZE, 15 MAR - ''Voglio essere chiaro. Non sono candidato e non mi candido a sindaco di Siena. Non si possono paracadutare candidature dall'alto, o improvvisarle. In questo momento la citta', che ha grandi difficolta, ha bisogno di voltare pagina rispetto al passato e trovare candidati che siano fortemente legati alle esigenze di Siena''. Lo ha detto l'assessore regionale ai trasporti, senese, Luca Ceccobao, in occasione del suo 'addio' alla Giunta Rossi, rispondendo alle domande dei gionalisti se si candidasse alla poltrona di primo cittadino di Siena. Nella conferenza per l'ultimo giorno da assessore, Ceccoabo ha sottolineato di tornare ''volentieri al mio lavoro ma non lascio assolutamente la politica: il mio impegno e' iniziato quando avevo 17 anni, nei movimenti studenteschi, e continuera' ancora perche'''. ''Ritengo la politica - ha concluso - un'attivita' intellettuale ed una pratica di volontariato civile. Dunque torno a fare politica come militante e dirigente del Pd di Siena''.(ANSA). Y7G 15-MAR-13 17:08 NNN
16,21 Titolo: -0,47
15,14 MPS: VIGNI IN PROCURA PER TERZO INTERROGATORIO (ANSA) - SIENA, 15 MAR - ''Risponderemo a tutte le domande, come sempre''. Cosi' gli avvocati Roberto Borgogno e Enrico De Martino, difensori dell'ex dg di Mps Antonio Vigni, hanno risposto ai giornalisti al loro arrivo al Palazzo di Giustizia di Siena. Vigni sara' ascoltato, per la terza volta, dai pm titolari dell'inchiesta sull'acquisizione di Antonveneta. L'ex dg, nelle due precedenti occasioni, l'ultima il 9 febbraio scorso, e' stato ascoltato complessivamente gia' per oltre 16 ore. (ANSA). YQE-MU/FLO 15-MAR-13 13:51 NNN

MPS: EX DG VIGNI PER TERZA VOLTA DA MAGISTRATI SIENA (AGI) - Siena, 15 mar. - L'ex direttore generale di Banca Montepaschi, Antonio Vigni, e' entrato da pochi minuti al palazzo di giustizia per essere interrogato, per la terza volta, dai magistrati che seguono l'inchiesta su Banca Montepaschi. Vigni, arrivato con un taxi, scortato da un'auto dei carabinieri, era accompagnato dai suoi legali Enrico De Martino e Roberto Borgogno. Gli stessi hanno annunciato che il loro cliente rispondera' alle domande che gli verranno poste dai magistrati. "Lo fara' come sempre" ha aggiunto De Martino. (AGI) Si1/Mav/Roc 151352 MAR 13 NNNN

ore 21 di giovedì 14 ANSA/ BANCHE: EX CCF;CHIESTO GIUDIZIO PER VERDINI E DELL'UTRI INDAGINI HANNO INCROCIATO QUELLE SU MPS. ASSOCIAZIONE DELINQUERE (di Giampaolo Grassi) (ANSA) - FIRENZE, 14 MAR - Una banca usata per dare prestiti ad amici e parenti, senza garanzie e tutele, tanto da portarla al fallimento: la procura di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio per Denis Verdini, accusandolo di fatto di una gestione 'familiare' del Credito Cooperativo Fiorentino (Ccf), guidato dal coordinatore del Pdl fino al 2010. I pm Luca Turco e Giuseppina Mione hanno chiesto il processo anche per altre 66 persone. Fra loro, oltre ai dirigenti dell'istituto, ci sono i destinatari degli affidamenti, come Marcello Dell'Utri, la moglie di Verdini, Simonetta Fossombroni, e gli imprenditori Riccardo Fusi e Davide Bartolomei, della Btp. L'inchiesta si e' sviluppata su due filoni. Nel primo, sul dissesto della banca, Verdini e' accusato di bancarotta e associazione per delinquere finalizzata all'appropriazione indebita: secondo l'accusa c'e' stata una trentina di distrazioni di denaro, tra il 2008 e il 2009, per 100 milioni di euro. Nel secondo filone, che vede fra gli indagati anche il parlamentare del Pdl Massimo Parisi, viene ipotizzata la truffa ai danni dello Stato: le indagini hanno riguardato circa 20 milioni di contributi per l'editoria destinati a tre quotidiani locali, fra cui il 'Il Giornale della Toscana', che veniva venduto in abbinamento a Il Giornale. L'inchiesta fiorentina sulla banca 'di destra', il Ccf, ha incrociato anche quella senese sulla banca 'di sinistra', l'Mps. Il primo punto di contatto e' stato un prestito da 150 milioni concesso nel 2008 all'impresa edile Btp da Mps e Ccf, in pool con altri istituti. Secondo i carabinieri del ros, in quell'operazione svolse un ruolo di lobbying Andrea Pisaneschi, ex consigliere d'amministrazione di banca Mps ed ex presidente di Antonveneta, ritenuto vicino a Verdini. I magistrati di Siena e Firenze stanno poi indagando sull'esistenza di un 'patto' fra Pd e Pdl che sarebbe stato messo nero su bianco in un documento che ha in calce i nomi - ma non le firme - di Verdini e dell'esponente senese del Pd, Franco Ceccuzzi, ex sindaco della citta'. In quel foglio - un semplice A4 senza timbri o intestazioni - si parla di accordi che riguardano sia Mps sia alcune amministrazioni locali. Proprio per appurare l'autenticita' di quel documento, i pm di Siena e Firenze hanno ascoltato insieme alcuni esponenti politici del Pd ed ex Pdl. L'invio al gup delle richieste di rinvio a giudizio per l'inchiesta sul Ccf e' dell'11 marzo. Alcuni degli indagati ne sono venuti a conoscenza stamani, quando sono state depositate durante l'udienza in corte d'appello civile a Firenze sul reclamo dei vertici del Ccf contro l'insolvenza della banca dichiarata dal tribunale fallimentare nel novembre scorso. Proprio in seguito a quella dichiarazione, i pm fiorentini 'trasformarono' le accuse di appropriazione indebita in bancarotta. A provocarla, secondo l'accusa, sarebbero stati i prestiti facili, le distrazioni, come quella da 3,2 milioni in favore di Dell'Utri. (ANSA). GRS 14-MAR-13 20:12 NNN