SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

La Muccona e dintorni minuto per minuto

Premere F5 per aggiornare la pagina

aggiornamento  
18.00 Titolo: 0,2111 -1,26 / scambi: 84446880
18,00 MPS: FONDAZIONE, SUL SITO BOZZA RIFORMA STATUTO PER CONSULTAZIONE Roma, 12 mar. (Adnkronos) - La Fondazione Monte dei Paschi di Siena ha pubblicato sul sito la bozza di riforma dello statuto per la consultazione pubblica. Nell'ambito dell'avviato processo di revisione statutaria, su conforme deliberazione della propria Deputazione Generale del 1 marzo 2013, in una nota informa che tutti gli Enti pubblici e privati (escluse le persone fisiche) radicati sul territorio senese che si considerino portatori, per loro scopi e per tradizione, di interessi generali rilevanti nell'ambito del territorio di insediamento storico della Fondazione stessa, che a partire dalla data odierna e' stato pubblicato sul sito www.fondazionemps.it il documento recante il testo dello Statuto, con l'evidenza di ipotesi di modifica e dei relativi commenti a chiarimento. Nel contempo invita detti Enti a fare pervenire alla Fondazione, secondo le modalita' indicate sul sito stesso, eventuali osservazioni e proposte sul documento in consultazione, entro e non oltre giovedi' 11 aprile 2013. I commenti pervenuti potranno essere resi pubblici sul sito della Fondazione al termine della consultazione, salvo espressa richiesta di non divulgarli. La Fondazione non e' tenuta a dare riscontro alle osservazioni pervenute e precisa che la consultazione non limita in alcun modo la sua piena discrezionalita' in ordine alle future scelte sull'avviato processo di revisione statutaria, scelte espressamente riservate alla propria Deputazione Generale. (Sec/Opr/Adnkronos) 12-MAR-13 13:42 NNNN

Mps: Gip, seri interrogativi su correttezza bilanci da 2009 a oggi (ASCA) - Siena, 12 mar - ''Risulta celata all'Autorita' di vigilanza la interconnessione esistente tra l'operazione Alexandria e la structured repo con Nomura, cosi' da risultarne alterata e non correttamente rappresentata al mercato la struttura e la finalita' della stessa, determinando al contempo seri interrogativi circa l'impatto sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale della banca e del gruppo e di riflesso sulla correttezza dei dati di bilancio resi pubblici al mercato dal 2009 ad oggi''. Lo scrive il Gip di Siena Ugo Bellini nell'ordinanza con cui conferma l'arresto per l'ex capo dell'area finanza di Mps Gianluca Baldassarri per i pericoli di fuga e inquinamento delle prove. Secondo il giudice Baldassarri era ''il vero ideatore del meccanismo negoziale'' e il suo ''intento non si limitava, come da questi sostenuto in sede di interrogatorio, al perfezionamento della operazione con Nomura, ma era proprio quello di creare una apparenza negoziale che impedisse a chicchessia di collegare la ristrutturazione Alexandria con la operazione Nomura BTP2034 con RePo, si' da evitarne una possibile interpretazione in termini di cristallizzazione della perdita CDO squared in conto economico''. Dunque, conclude il Gip, ''cio' che era assolutamente noto ai massimi vertici di Mps e ai funzionari dell'area finanza e financo ai funzionari dei potenziali finanziatori di Mps'' in relazione ''alla complessiva struttura e alle specifiche finalita' della operazione Nomura, risultava invece assolutamente fumoso, ambiguo e non sorretto da un comune denominatore in capo a quei soggetti che poi avrebbero dovuto controllare la rischiosita' e la sostenibilita' finanziaria e la imputabilita' a bilancio della operazione''. afe/mau/ss 121404 MAR 13 NNNN

MPS: GIP, CON ALEXANDRIA INTERROGATIVI SU BILANCI 2009/2012 (ANSA) - SIENA, 12 MAR - L'operazione Alexandria, realizzata da BMps con Nomura determina ''seri interrogativi circa l'impatto sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale della banca e del gruppo e di riflesso sulla correttezza dei dati di bilancio resi pubblici al mercato dal 2009 ad oggi''. Lo scrive il gip del tribunale di Siena, Ugo Bellini, nell'ordinanza di convalida della misura cautelare in carcere per Gianluca Baldassarri, l'ex responsabile dell'area finanza del Monte arrestato il 14 febbraio a Milano.(ANSA). MU 12-MAR-13 14:10 NNN

Mps: Gip Siena, Baldassarri preparo' risposte Mussari a Nomura (ASCA) - Siena, 12 mar - Per la conference call tra Mps e Nomura del 7 luglio 2009 Gianluca Baldassarri aveva predisposto ''risposte'' e ''rassicurazioni in inglese'' per l'ex presidente Giuseppe Mussari. E' quanto scrive il Gip di Siena Ugo Bellini nell'ordinanza con cui conferma la custodia cautelare in carcere per l'ex capo della finanza di Mps per il pericolo di fuga. Baldassarri e' indagato, in questo filone, per ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorita' pubbliche di vigilanza, in concorso con Mussari e con l'ex direttore generale Antonio Vigni. Per la Conference call del 7 luglio 2009 con i dirigenti Nomura, scrive il giudice senese, ''i vertici di Mps'' erano stati ''adeguatamente preparati'' da Gianluca Baldassarri che ''aveva addirittura predisposto un canovaccio di risposte a contenuto vincolato e di rassicurazioni in inglese da fornire al responsabile Nomura da parte della dirigenza di Mps nella persona di Mussari''. afe/mau/ss 121417 MAR 13 NNNN

Mps: Vigni a Pm, mi fidavo ciecamente di Baldassarri (ASCA) - Siena, 12 mar - ''Mi sono sempre fidato ciecamente di Baldassarri''. Lo mette a verbale Antonio Vigni, ex direttore generale di Mps, nell'interrogatorio reso il 9 marzo 2013 di fronte ai magistrati senesi che indagano sull'acquisizione di Antonveneta e sui derivati. Stralci dell'interrogatorio sono contenuti nell'ordinanza del Gip di Siena Ugo Bellini che conferma la custodia in carcere per l'ex direttore dell'area finanza Gianluca Baldassarri. Il 'mandate agreement' stipulato tra Mps e Nomura per la ristrutturazione di Alexandria, secondo l'accusa degli inquirenti senesi, sarebbe stato ''occultato'' alle autorita' di vigilanza e custodito nella cassaforte di Vigni. Vigni, interrogato, afferma che ''la ristrutturazione di Alexandria e' stata seguita dal Baldassarri, il quale mi ha detto che era necessario sostituire il sottostante di quel veicolo perche' legato al mercato americano, in quel periodo particolarmente a rischio. L'unico documento che lega la complessiva operazione condotta da Nomura e' la lettera di mandato. Rispetto a cio' mi assumo ogni responsabilita' nel senso che avevo compreso che quella lettera legava le operazioni e che Mps si impegnava a realizzare una piena disclosure nei termini effettivi dell'operazione. Ho custodito la lettera nella mia cassaforte - afferma Vigni - perche' Baldassarri mi aveva detto che era un documento delicato''. afe/mau/ss 121417 MAR 13 NNNN

MPS: BALDASSARRI PREPARO' RISPOSTE DI MUSSARI A NOMURA ERANO IN INGLESE A CONTENUTO VINCOLATO (ANSA) - SIENA, 12 MAR - Fu Gianluca Baldassarri all'epoca responsabile dell'area finanza di Bmps a preparare la conference call di Giuseppe Mussari e Antonio Vigni con i vertici della banca giapponese Nomura del 7 luglio 2009: fu lui a predisporre ''un canovaccio di risposte a contenuto vincolato e di rassicurazioni in inglese da fornire ai responsabile Nomura da parte della dirigenza Mps'' nella persona di Mussari.E'quanto si legge nell'ordinanza di convalida dell'arresto dell'ex manager del Monte predisposta dal gip di Siena Ugo Bellini. (ANSA). MU 12-MAR-13 14:23 NNN

Mps: atti, ristrutturazione Alexandria presentata come 'regalo' Nomura (ASCA) - Siena, 12 mar - Il costo della ristrutturazione di Alexandria a carico di Nomura sarebbe stato presentato da Gianluca Baldassarri come un ''regalo'' della banca anglo-nipponica al Monte dei Paschi di Siena. E' quanto si legge nell'ordinanza con cui il Gip di Siena Ugo Bellini conferma la custodia cautelare in carcere per l'ex capo dell'area finanza di Mps Gianluca Baldassarri per il pericolo di fuga. Daniele Bigi, capo della contabilita' (''e quindi non uno sprovveduto''), secondo quanto riportato nell'ordinanza del Gip, ''era a riferire che l'operazione Nomura era giustificata dal Baldassarri con l'esigenza, meramente finanziaria, di diversificare una parte rilevante dei titoli sottostanti il veicolo Alexandria, obbligazioni emesse da soggetti statunitensi, con titoli emessi da banche europee e titoli italiani, ritenuti in quel momento piu' sicuri. Il Baldassarri assicurava che tale ristrutturazione sarebbe avvenuta tramite Nomura che se ne sarebbe accollato il costo e tale 'regalo' era il pegno che Nomura era disposta a pagare per iniziare a fare affari con la terza banca d'Italia e che comunque Nomura sarebbe stata compensata dagli interessi percipiendi sui titoli di Stato italiani''. afe/mau/bra 121429 MAR 13 NNNN

Mps: Gip, Baldassarri puo' avere protezione per fuga all'estero (ASCA) - Siena, 12 mar - Esiste un ''concreto pericolo'' di fuga che giustifica la detenzione in carcere di Gianluca Baldassarri, ex capo dell'area finanza di Banca Mps, che all'estero puo' contare su ''ospitalita''' e ''protezione''. Lo scrive il Gip di Siena Ugo Bellini, confermando la custodia cautelare del manager nel carcere di Sollicciano a Firenze. Il Gip rileva che Baldassarri presenta, al momento del fermo, una ''assoluta precarieta', temporaneita' e non ufficialita' di situazione alloggiativa''. Infatti nell'appartamento in cui Baldassarri risulta residente a Milano ''non risulta domiciliata neppure la sua famiglia''. Il manager vive, al momento del fermo, in un appartamento di Milano affittato da una societa' e da una intercettazione emerge che ''neppure la compagna fosse a conoscenza della nuova abitazione''. Proprio al momento del fermo, si legge nell'ordinanza, vennero sequestrati 34.500 euro in contanti, somme ''variamente suddivise in beauty cases e in indumenti''. Inoltre, nonostante i sequestri, il giudice ipotizza come Baldassarri ''abbia potuto accumulare un patrimonio significativo, all'estero e in Italia, ancora in corso di compiuto accertamento, solo in parte sequestrato''. Baldassarri, rileva infine il Gip giustificando la detenzione in carcere, e' ''uomo che ha lavorato all'estero, che conosce perfettamente la lingua inglese, che ha uso e dimestichezza con viaggi e relazioni internazionali, che all'estero possiede interessi, immobili, e' in contatto con numerosissimi esponenti del mondo finanziario che gli possono fornire ospitalita', protezione''. afe/red 121444 MAR 13 NNNN

MPS: QUATTRO CANDIDATI A SINDACO DI SIENA, CHIAREZZA SU FONDAZIONE PRESA DI POSIZIONE DI MONTIGIANI, NERI, TUCCI E VIGNI Siena, 12 mar. - (Adnkronos) - Quattro diversi candidati a sindaco di Siena (Maurizio Montigiani, Eugenio Neri, Enrico Tucci e Laura Vigni) hanno diffuso un comunicato a firma congiunto su Comune e Fondazione Mps, una lettera aperta al commissario Enrico Laudanna e al presidente Gabriello Mancini. ''Noi candidati a sindaco per la citta' di Siena, rappresentanti di diversi e concorrenti schieramenti che si stanno confrontando pubblicamente in citta' ormai da mesi, alla luce delle ultime vicende ci schieriamo uniti per chiedere la massima trasparenza su due questioni che appaiono ormai decisive e imprescindibili per il futuro della nostra citta': il Comune con il suo livello di indebitamento e la Fondazione Mps con il suo nuovo statuto. Per questa ragione compatti e concordi ci rivolgiamo ai massimi rappresentanti delle istituzioni'', esordisce la presa di posizione comune di Maurizio Montigiani (Lega Nord), Eugenio Neri (appoggiato da sei liste civiche: Impegno per Siena, Moderati di centrodestra per Siena, Movimento Civico Senese, Nero su Bianco, Ora Siena, Siena 2030), Enrico Tucci (liste civiche Siena C'e' e Associazione Pietraserena) e Laura Vigni (Sinistra per Siena). Al commissario del Comune di Siena, Enrico Laudanna, i quattro candidati sindaco chiedono che faccia ''un punto di chiarezza, informi rapidamente la citta' sullo stato reale del bilancio del Comune e sul suo stato patrimoniale effettivo, sulle possibili conseguenze a cui rischia di andare incontro l'amministrazione''. (segue) (Red-Xio/Opr/Adnkronos) 12-MAR-13 14:46 NNNN

MPS: VIGNI, BALDASSARRI DISSE DI RISTRUTTURARE ALEXANDRIA (ANSA) - SIENA, 12 MAR - Fu Gianluca Baldassarri a dire all'ex dg di Mps Antonio Vigni che era necessaria la ristrutturazione di Alexandria perche' troppo ''legato al mercato americano, in quel periodo particolarmente a rischio''. Lo ha detto ai pm Vigni nell'interrogatorio del 9 marzo scorso. Nello stralcio riportato nell'ordinanza del gip di Siena che ha confermato l'arresto di Baldassarri, Vigni spiega che l'unico documento ''che lega la complessiva operazione condotta da Nomura e' la lettera di mandato'' che lui, comunque, aveva letto ''e compreso''.(ANSA). MU 12-MAR-13 14:47 NNN

MPS: QUATTRO CANDIDATI A SINDACO DI SIENA, CHIAREZZA SU FONDAZIONE (2) (Adnkronos) - Maurizio Montigiani, Eugenio Neri, Enrico Tucci e Laura Vigni ritengono infatti necessario che ''i cittadini abbiano un quadro esatto dello stato dei residui attivi e passivi, quali alienazioni immobiliari sono state fatte e quale ne e' stato il ricavato, quali intenzioni abbia il Commissario per la definizione della Tares. In modo cosi' da mettere tutti in condizione di valutare gli stessi elementi''. Al presidente della Fondazione Mps, Gabriello Mancini, i quattro canndidati a sindaco chiedono di dire ''con chiarezza il punto raggiunto dalla riflessione in sede tecnica sui cambiamenti che si ritengono necessari nello Statuto dell'Ente e, soprattutto chiarisca se nel percorso di modifica sia previsto o meno un ruolo per il Consiglio Comunale che uscira' dalle elezioni amministrative del prossimo maggio-giugno''. ''Non si puo' giocare sulla pelle della citta' con campagne unilaterali senza un reale confronto con i cittadini. Non si puo' avere un confronto serio e leale in rappresentanza dei nostri concittadini senza conoscere cio' che di diritto ci spetta sapere'', conclude il comunicato congiunto. (Red-Xio/Opr/Adnkronos) 12-MAR-13 14:48 NNNN

MPS: FONDAZIONE PUBBLICA BOZZA REVISIONE STATUTO NON PIU' GARANZIA MA SOLO IMPEGNO MANTENERE SEDE A SIENA (ANSA) - ROMA, 12 MAR - La Fondazione Mps ha pubblicato sul sito la bozza di revisione dello statuto che recepisce in molti punti la Carta delle Fondazioni dell'Acri. ''Tutti gli Enti, pubblici e privati (escluse le persone fisiche), radicati sul territorio senese che si considerino portatori, per loro scopi e per tradizione storica, di interessi meritevoli di essere 'rappresentati' all'Organo di indirizzo della Fondazione - si legge - possono far pervenire eventuali osservazioni e proposte sul documento in consultazione, entro e non oltre giovedi' 11 aprile 2013''. Le osservazioni non saranno comunque vincolanti per la Deputazione Generale. Fra le modifiche contenute nella bozza c'e' anche la cancellazione della garanzia a mantenere la sede a Siena, sostituita con un impegno. Un cambio che si e' reso indispensabile, ''ferma la vocazione a mantenere inalterata l'ubicazione in Siena della sede e della Deputazione generale della Banca conferitaria, e ferma la senesita' (maggioranza dell'Organo amministrativo) in quanto la Fondazione, non potendo garantire il possesso azionario sufficiente al diritto di veto (c.d. minorite' de blocage), puo' soltanto impegnarsi a ''far quanto in proprio potere'', ovviamente avvalendosi della partecipazione''. (ANSA). DOA 12-MAR-13 14:57 NNN

MPS: BALDASSARRI SPIEGO' CHE NOMURA FACEVA 'REGALO' SI ASSUMEVA COSTI PER INIZIARE A LAVORARE CON IL MONTE (ANSA) - SIENA, 12 MAR - Un vero e proprio ''regalo'' della banca giapponese Nomura al Monte dei Paschi di Siena. Cosi' L'ex responsabile dell'area finanza Gianluca Baldassarri presento' ai vertici del Monte il costo della ristrutturazione di Alexandria a carico di Nomura. E' quanto si legge nell'ordinanza del gip di Siena Ugo Bellini per la conferma della custodia cautelare in carcere di Baldassarri. Una specie di ''pegno'', secondo il capo contabile del Monte Daniele Bigi, ''che Nomura era disposta a pagare per iniziare a fare affari con la terza banca d'Italia e che comunque Nomura sarebbe stata compensata dagli interessi percipiendi sui titoli di Stato italiani''. Lo stesso Bigi, e' scritto ancora nell'ordinanza, riferi' ''che l'operazione Nomura era giustificata dal Baldassarri con l'esigenza, meramente finanziaria, di diversificare una parte rilevante dei titoli sottostanti il veicolo Alexandria, obbligazioni emesse da soggetti statunitensi, con titoli emessi da banche europee e titoli italiani, ritenuti in quel momento piu' sicuri''. (ANSA). MU 12-MAR-13 15:00 NNN

MPS: GIP,BALDASSARRI PUO' ANCORA FUGGIRE,CONTA SU PROTEZIONI (ANSA) - SIENA, 12 MAR - Giancluca Baldassarri deve restare in carcere perche' esiste ancora un ''concreto pericolo'': l'ex capo dell'area finanza di BMps all'estero puo' contare su ''ospitalita''' e ''protezione''. Cosi' il gip del tribunale di Siena Ugo Bellini spiega la conferma nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere. Un uomo ''che ha uso e dimestichezza con viaggi e relazioni internazionali, che all'estero possiede interessi, immobili, e' in contatto con numerosissimi esponenti del mondo finanziario che gli possono fornire ospitalita', protezione''.(ANSA). MU 12-MAR-13 15:10 NNN

0,0 MPS: ROSSI, DUE DIPENDENTI BANCA ASCOLTATI IN PROCURA (ANSA) - SIENA, 11 MAR - Due dipendenti di Banca Monte dei Paschi di Siena sono stati sentiti oggi in procura dai pm Marini, Nastasi e Natalini che indagano su istigazione al suicidio di David Rossi, capo della comunicazione di Rocca Salimbeni che si e' tolto la vita mercoledi' 6 febbraio. Secondo quanto si apprende da fonti vicine all'inchiesta, i due dipendenti interrogati sarebbero stati tra gli ultimi ad averlo visto in vita ed in quanto tali sono stati ascoltati come persone informate sui fatti. La magistratura attende ancora i tabulati telefonici relativi alle 7 schede sim e ai 5 telefoni cellulari sequestrati appartenenti a David Rossi. Prosegue anche il lavoro della procura sui filoni principali dell'inchiesta Mps con l'esame delle carte e dei documenti sequestrati in Italia e all'estero nelle scorse settimane. Nei prossimi giorni sara' nuovamente ascoltato nel carcere di Sollicciano a Firenze, dove e' detenuto, Gianluca Baldassarri, ex responsabile area finanza di Banca Mps indagato sia per l'operazione Alexandria sia perche' ritenuto a capo della cosiddetta ''banda del 5%''. Intanto a Siena sono stati rafforzati i controlli di sicurezza al tribunale senza che questi intralcino la normale attivita' all'interno del Palazzo di Giustizia. Sono stati raddoppiati i turni del personale di custodia che e' stato affiancato da alcuni Carabinieri in servizio. Il rafforzamento e' comunque molto discreto e i controlli avvengono a campione. La stretta tuttavia non riguarderebbe solo Siena ma farebbe seguito ad una telefonata anonima giunta il 6 marzo a un' emittente televisiva in cui si paventava un allarme bomba per altri tribunali della Toscana.(ANSA). YQE-PUC/DLM 11-MAR-13 18:29 NNN

Mps: Fondazione vende lo 0,77% e incassa 21,4 mln. Lima quota al 34,17% (ASCA) - Roma, 11 mar - La Fondazione Mps ha ceduto 90 milioni di azioni Mps, '' pari a circa lo 0,77% del capitale sociale'' del capitale della banca, ''ad un prezzo netto medio 0,2376 euro per azione.Le azioni cedute facevano parte della quota dell'1,44% iscritta nell'Attivo Circolante e libera da vincoli. Tali vendite sono state finalizzate esclusivamente alla costituzione di un adeguato livello di liquidita', in modo da salvaguardare l'equilibrio finanziario dell'Ente nel medio termine'', spiega la nota di Palazzo Sansedoni. Dopo questa limatura, la Fondazione e' titolare del 34,17% del capitale di Mps. La Fondazione ha gia' da tempo annunciato la graduale cessione delle azioni Mps classate nell'attivo circolante con l'obiettivo, post-cessione, di rimanere con una quota complessiva del capitale del Monte del 33,5%. Nel bilancio 2011 di Palazzo Sansedoni le azioni Mps sono iscritte ad un prezzo medio unitario di 0,36 euro. La cessione di 90 milioni di azioni Mps ha fruttato un controvalore di circa 21,4 milioni di euro rispetto a un valore contabile di circa 32,4 milioni, la minusvalenza da cessione e' pari a

 

 

 

circa 11 milioni. red/men 111846 MAR 13 NNNN